Testo di – ALEKSANDRA LUKAC
.
Danae Festival
, curato e organizzato dal Teatro delle Moire, si svolge per la prima volta a Milano dal 16 al 28 marzo 1999. Oggi, a diciassette anni dalla sua creazione, è una macchina in costante evoluzione che offre spettacoli ibridi della scena contemporanea, favorendo nuove modalità esperienziali, e con il rinnovato intento di rafforzare e aumentare il pubblico di queste forme espressive spesso nuove per i più.

L’anno scorso il Festival si è tenuto in due sessioni, una primaverile e una autunnale. Come sua principale caratteristica proponeva l’interdisciplinarità attraverso la sovversione della percezione, dello sguardo e delle regole cercando nuovi modi di partecipazione all’atto creativo. Da quest’anno Danae diventa un festival multidisciplinare a tutti gli effetti, l’unico in Lombardia riconosciuto come tale dal Ministero per i beni e le attività culturali e il turismo.

 “Il Festival che vi proponiamo è dunque frutto di tutte queste nuove energie e pensieri, una programmazione esaltante, libera dalle mode, che parla di vivacità e rischio, con molti progetti appena nati che vedremo al festival per la prima volta insieme a voi, ad opera di giovanissimi artisti”, afferma Alessandra de Santis, fondatrice e direttrice di Danae.

dan1

Francesco Marilungo – Paradise

Quest’anno il festival si svolgerà dal 27 ottobre al 14 novembre e saranno presenti 51 artisti appartenenti a 17 compagnie italiane e internazionali. Sarà un’occasione per potersi immergere in un mondo nuovo e provare un’esperienza artistica fuori dal comune. Il Festival ha raccolto quest’anno nuove risorse anche attraverso un riuscito progetto di crowfunding, che ha permesso di mantenerne inalterato lo spirito di innovazione e sperimentazione che lo ha distinto in questi diciassette anni.

Potremmo definire Danae un festival distribuito su un ampio territorio, poiché sarà ospitato in strade, teatri, caffè, locali storici, palazzine, capannoni e ancora altrove, persino gli spazi, quindi, andranno a delinearne il carattere versatile e innovativo. In questo modo, forse, si riesce a sdoganare e svincolare l’arte dai luoghi dove ha sede tradizionalmente, oltre che a proporre al pubblico una modalità di fruizione diversa, così da rendere l’esperienza artistica insolita e più coinvolgente: un percorso esperienziale unico e soggettivo.

Fra gli artisti che si esibiranno durante Danae vi saranno sì presenti professionisti provenienti dalla scena nazionale, fra cui Alessandro Bedosti, Marina Giovannini e Francesco Marilungo, ma molti saranno anche gli ospiti internazionali come Miet Warlop e Medie Megas.

dan2

Miet Warlop – dragging the bone

Vi invitiamo a informarvi sui singoli spettacoli direttamente dal più che completo sito net ufficiale della manifestazione http://www.danaefestival.com/

Rischiamo e proviamo a consigliarvi qualcosa? Il 27 Ottobre alle ore 21 è imperdibile l’opera “Dragging the Bone” di Miet Warlop. Le sue opere sono meta-teatrali e vengono acclamate nei più importanti teatri europei: immagini piene di magia, ironia, surrealismo e grande impatto visivo lasceranno lo spettatore coinvolto grazie anche a performance di danza, teatro e arte visuale. Un’altra esperienza particolare è “Hamlet Private” presentato da Scarlattine Teatro dal 10 al 12 Novembre: qui sarà obbligatoria la prenotazione perché lo spettacolo è svolto come un colloquio privato con uno spettatore alla volta che avrà la possibilità di esplorarsi durante una seduta di cartomanzia, condotta dai performer con rimandi alle vicende di Amleto. Vi caldeggiamo anche lo spettacolo di sabato 14 novembre alle ore 22 in Arizona 2000: “Nina Madù e le Reliquie Commestibili” presenteranno il loro secondo album, “Octopussa”, un mix di musica elettronica, surf rock, balera, doowop e altri sonorità non ancora definite… sarà una notte di festa, di stravaganza e di immersione in una nuova esperienza dei sensi!

dan3

Nina Madù e le Reliquie Commestibili

Il costo di un biglietto intero è di 10 euro (ridotto 8 euro), ma è possibile fare anche degli abbonamenti per partecipare a una selezione di spettacoli oppure al Festival completo.

Per ora vi lasciamo con queste informazioni e ci auguriamo di incrociarvi a qualche spettacolo. Mente aperta e allerta dei sensi! Buon festival a tutti!

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata