Testo e intervista di – CAMILLA ABBRUZZESE

For English: http://revolart.it/delawer-art-art-of-self-expressing-interview-to-delawer-omar/

 

del1

Colori, pennellate morbide e un infinito, nascosto dietro ogni linea dei dipinti di Delawer Omar, un bambino cresciuto con l’arte e con essa diventato adulto. Ora vive in Svizzera e i suoi dipinti hanno avuto un incredibile successo, considerando il seguito sui social network. Delawer Art prende forma dalla voglia di esprimere i propri sentimenti attraverso l’arte, uno dei modi più sublimi di cui l’uomo può disporre. Fare ciò che si ama e riuscire ad ottenere successo, equivale alla vita vera, ed è possibile solo nel momento in cui i sentimenti che si cerca di trasmettere arrivano anche al cuore degli altri.

Delawer Omar ci è riuscito e, intervistato per Revolart, ci racconta un po’ di sé.

Vorrei iniziare la mia intervista parlando di te. Sei nato in Siria, ma ora vivi in Svizzera. Come sei arrivato a Losanna?

Sono nato a Damasco, in Siria, da origini curde. Sono andato via dalla Siria insieme alla mia famiglia a causa di questioni politiche. Poi siamo andati in Svizzera e ci siamo rimasti per più di dieci anni.

Quando è iniziata la tua carrier da artista e in quale momento hai capito che sarebbe stato il lavoro della tua vita (se lo è)?

Disegnare è sempre stato una parte della mia vita. Non potrei dire davvero quando ho iniziato, è come se fosse cresciuto insieme a me.

del2

 La tua arte può essere definite “arte digitale” o “disegno e pittura”. Come preferisci identificarla? Prendi ispirazione da artisti del passato?

 Ho sempre preferito provare tutti I tipi di arte e ho sempre volute creare qualcosa di nuovo in questo campo, come il disegno, la pittura ad olio e con colori acrilici, I collages. Finchè ho scoperto che possiamo anche utilizzare l’arte di ultima generazione, usando nuovi programmi (come “wacons”) e ho provato anche questi.

A volte riprendo qualcosa dall’arte classica, ma è molto difficile per me poter definire me e la mia arte.

 

 L’arte, solitamente, riflette la personalità dell’artista, cosa egli pensa e prova. Mentre dipingi, segui l’ispirazione del momento o dipingi un’immagine ideale che hai in mente?

 L’essenziale, per me, nell’arte, non è la tecnica. È soprattutto il messaggio che voglio mandare a chi ama l’arte e ad ogni persona, per far comprendere loro cosa voglio esprimere.

Dipingere per me è innanzitutto uno strumento, attraverso il quale esprimo ciò che ho dentro per quanto riguarda i problemi e le condizioni di  vita. Questo è il motivo per cui mi concentro molto sui diritti umani, perché è qualcosa che ci riguarda da vicino.

 

 Quanto tempo impieghi per completare un dipinto? E su quale dettaglio ti piace soffermarti maggiormente?

 Non esistono tempi nel mondo dell’arte: un dipinto può essere completato in cinque minuti, così come in cinque anni… o può non essere mai completato!

 Sei riuscito a vendere i tuoi dipinti e hai molti fans in tutto il mondo. Secondo te, qual è la ragione del tuo successo? Te lo saresti mai aspettato?

 Penso che sia molto presto per me per parlare di successo, perchè credo ancora di stare ancora imparando!

E penso che ho ancora tanta strada davanti da compiere.

 

 In Italia, molti ragazzi che vogliono diventare artisti rinunciano ai propri sogni per avere un lavoro più remunerative. Cosa consigli loro di fare?

Penso che non dovrebbero mai rinunciare a qualcosa che piace loro e a qualcosa che vogliono essere.

La vita è così corta, per non fare cosa si vuole fare. Fate cosa amate fare!

 

Potresti dirci qualcosa sul tuo progetto di raccolta fondi in Siria?

Tutto quello che posso dire riguardo la Siria è che lì ci sono delle persone, che stanno combattendo per la libertà, contro uno dei più ripugnanti regimi di sempre, e la mia raccolta fondi cerca di aiutarli.

 

I colori rappresentano la magia delle tue opera. Se dovessi esprimere la tua anima di artista, quale colore sceglieresti? Perché?

Per me ogni colore è un mondo a sé stante.

Al momento, mi rivedo nel rosso e nel nero, forse per la quantità di sangue che è stato gettato durante la rivoluzione in Siria questi tre anni.

Lascia a Revolart una tua citazione.

La mia citazione è: “La vita è sempre una questione di attesa!”

del3

1 risposta

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata