Testo — BEATRICE COSTANZO e ELEONORA RONDELLI

Foto — CHIARA RUSSO

 

MILANO 23/11/2015 – Dopo il sold out registrato nel 2013, gli Imagine Dragons tornano a calcare il palcoscenico del Mediolanum Forum, per un’unica data italiana, rigorosamente tutta esaurita.

La serata si apre egregiamente con i Sunset Sons, band britannico-australiana che ha recentemente suonato sul prestigiosissimo palco del Glastonbury Festival, e poco prima delle 21.30 entra in scena la band di Las Vegas, che da qualche anno a questa parte incanta il mondo con le proprie hit ed è pronta a stregare anche il pubblico meneghino.

 

Il concerto si apre con Shots, ultimo singolo tratto dal secondo album del gruppo, Smoke + Mirrors, uscito lo scorso 17 febbraio, e prosegue con Trouble, alla fine della quale il cantante e frontman Dan Reynolds prende la parola.

“Don’t fear anyone”, “Non abbiate paura di nessuno”, è il grido che invade il Forum tra gli applausi e la commozione di tutti i presenti.

“Non starò a guardare nessuna persona che rovini la musica per il mondo, non starò a guardare nessuna persona che faccia del male ad altre. Siamo gli artisti della nostra anima e dei nostri sentimenti. Ci ameremo reciprocamente e non avremo paura, non importa cosa succederà.”

12285740_10207192300459602_1351738976_n-2

Così viene introdotta It’s Time, canzone che ha portato gli Imagine Dragons al successo internazionale in un 2012 che sembra ormai lontanissimo, ma mai più di ora attualissima con il suo ritornello “I’m never changing who I am”, “Non cambierò mai quello che sono”.

Dopo la cover a cappella di Forever Young degli Alphaville, è tempo di riportare l’energia sul palco e tra il pubblico con Roots, singolo pubblicato il 27 agosto e non contenuto nell’ultimo disco, continuando poi con un alternanza di nuovi brani come Polaroid e vecchi come Tiptoe,  tratta dal primo lavoro in studio degli americani, Night Visions, che è valso loro la seconda posizione della Billboard top 200 e il titolo di band di punta del 2013.

Il clima si fa più serio ma anche molto più rock con I’m So Sorry, seguita da Gold, entrambe canzoni che parlano della depressione di cui ha sofferto il cantante Dan, il quale si esibisce in modo struggente proprio a suggerire quanto siano importanti per lui questi pezzi.

Il frontman lancia poi un appello fortemente controcorrente rispetto a ciò che siamo abituati a sentire: consiglia infatti ai giovani di restare in Italia, poiché abbiamo assolutamente il miglior cibo del mondo e lui lo sa bene dal momento che sua moglie è italo-americana.

 

Successivamente è il momento di un brillante medley di Amsterdam e Fallen, canzoni di Night Visions, con Second Chances, del più recente Smoke + Mirrors, che recita “I believe in second chances”.

Dedicano l’ultima parte del concerto alle loro hit più famose, intervallate da  assoli di batteria e tamburi da far venire i brividi.

Il pubblico reagisce più che positivamente cantando e scatenandosi con il gruppo; si passa quindi da Demons a On Top Of The World a Bleeding Out, per poi concludere con I Bet My Life, in cui il cantante prende dal pubblico e sventola una bandiera italiana, e la spettacolare Radioactive.

12305970_10207192300019591_1820391688_n

Su questa il Forum si spegne solo momentaneamente, per poi tornare ad esplodere con l’encore di The Fall e gli entusiasti ringraziamenti di tutta la band sotto una pioggia di cadenti foglie autunnali.

 

Una performance davvero spettacolare in cui l’energia e la voglia di divertirsi e scatenarsi degli artisti sono riuscite a coinvolgere ogni singola persona presente, qualcosa di cui c’è davvero bisogno per tutti dopo le recenti vicende che hanno sconvolto il popolo della musica dal vivo.

“Spread peace and love, we’ll see you soon.”

Scaletta:

Shots
Trouble
It’s time
Forever Young
Roots
Polaroid
Tiptoe
I’m so sorry
Gold
Amsterdam/ Fallen/ Second chances
Demons
On Top Of The World
Bleeding Out
I Bet My Life
Radioactive
The Fall

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata