Testo di – FEDERICO SCARFO’

 

A dicembre, Milano si vestirà di eventi interessanti nel contesto dell’arte contemporanea e oltre, passando da un’importante raccolta dei più grandi ceramisti esistenti, a revisioni di architettura e arte contemporanea italiana, fino a una mostra sul grande scultore Adolfo Wildt.

Lectio magistralis di fotografia e dintorni

Cinque appuntamenti, cinque dialoghi sui mille modi differenti di intendere la fotografia in questa serie di lezioni organizzate da AFIP International, organizzazione che riunisce i professionisti della fotografia italiana. Ogni appuntamento con un ospite di spicco nel campo dell’immagine.

Alla Triennale di Milano, in viale Alemagna 6. Il primo appuntamento di dicembre è giovedì 3. L’ultimo appuntamento è il 25 febbraio 2016.

Ingresso gratuito.

.

 elizabeth aro

.

Elizabeth Aro. Mostra e monografia

Mostra monografica dedicata ai lavori di Elizabeth Aro, artista argentina trasferitasi in Italia. Le sue opere sono molteplici: da installazioni scultoree implementate con stoffe ricamate, a fotografie, disegni, e mappamondi, che si combinano nella volontà di esprimere il pensiero che cerca di raggiungere il desiderio.

Allo studio legale La Scala, in via Correggio 43. Dal 26 novembre al 17 gennaio. Dal lunedì al venerdì, 9.00 – 18.00.

.

wouter klein

.

Wouter Klein Welderman. Squadron Me

In questa sua seconda mostra, si possono ammirare tre installazioni dell’artista olandese Wouter Klein Welderman: tra aerei da combattimento della Prima Guerra Mondiale legati in pose bizzarre, a teli impermeabili per trincea usati come materia prima per collages, Welderman esalta la bellezza micidiale della guerra in un modo quasi sensuale.

Allo SpazioBorgogno, in ripa di Porta Ticinese 11. Dal 26 novembre al 9 gennaio.

Ingresso gratuito.

.

 tom porta

.

Tom Porta. The BOX, Beauty Overkill

In questa installazione di una sessantina di ritratti, è il tema del black humor che emerge, dello scherzo sulla morte: Tom Porta appone il suo marchio, il teschio, THE BOX, in quanto semplice contenitore dei pensieri, privato di ogni valenza simbolica, su una varietà di ritratti, marchiando con ironia il legame di ogni artista con la morte e volendo spogliare l’argomento della sua cupezza.

Alla Galleria Mario Giusti HQ-Headquarter. Dal 26 novembre al 15 gennaio.

.

 ennesima

.

Ennesima. Una mostra di sette mostre sull’arte italiana

Una “raccolta di mostre” che vuole rappresentare gli ultimi cinquant’anni di arte contemporanea in Italia, tramite centoventi opere da più di settanta artisti diversi divise in sette percorsi. A questa esplorazione sarà possibile esplorare le ipotetiche relazioni tra un movimento e l’altro, districando la ragnatela dell’arte contemporanea italiana.

Alla Triennale di Milano. Dal 25 novembre al 6 marzo.

Biglietto intero € 8, ridotto € 6.5 per under 26, studenti e over 65.

Ignazio Gadaleta. Per Giorgio Morandi

In sostituzione di un quadro di Morandi, inviato in Giappone per una mostra, la casa-museo Boschi-Di Stefano ospita l’opera del pugliese Ignazio Gadaleta. Quest’ultima, “Sette punti celesti”, è un omaggio alla disposizione spaziale dei quadri di Morandi nella stanza stessa dove verrà esposta, e intende, con la sua estetica minimale, porre un interessante contrasto con l’opera che deve sostituire.

Alla Casa Museo Boschi-Di Stefano. Dal 25 novembre al 26 giugno.

.

adolfo wildt

.

Adolfo Wildt. L’ultimo simbolista

La GAM prosegue con un percorso dedicato ad Adolfo Wildt e preparato con la collaborazione dei Musees d’Orsay e de l’Orangerie: oltre che a un nucleo di opere rappresentative della sua sperimentazione scultorica e di materiali, saranno presenti anche sculture di altri autori a puro scopo di confronto.

Alla GAM. Dal 27 novembre al 14 febbraio.

Biglietto intero € 5, ridotto € 3. Ingresso gratuito ogni giorno dalle ore 16.30 e tutti i martedì dalle ore 14.

.

 angelo bozzola

.

L’armonia della forma. Angelo Bozzola e il Movimento Arte Concreta

Questa mostra, che inaugura la collaborazione tra il museo MA*GA di Gallarate e il Palazzo Leone da Perego di Legnano, presenta 75 opere tra dipinti, oggetti di design, e sculture di Angelo Bozzola e i membri fondatori del Movimento Arte Concreta, tra cui Bruno Munari e Gillo Dorfles.

Al Palazzo Leone da Perego, via Gilardelli 10, Legnano. Dal 27 novembre al 21 febbraio.

Ingresso gratuito.

.

 comunità italia

.

Comunità Italia. Architettura, città, e paesaggio dal dopoguerra al duemila

La mostra racconta la vicenda dell’evoluzione dell’architettura italiana nella seconda metà del Novecento, ed è composta di un corpo di 120 tra progetti originali e disegni, di architetti come Ludovico Quaroni e Renzo Piano.

Alla Triennale di Milano. Dal 28 novembre al 6 marzo.

Biglietto intero 8 euro; la mostra è compreso nel biglietto da 10 euro per tutte le mostre del museo.

Adriano Attus. Numerage: #wearenotnumbers

Adriano Attus presenta la sua opera “interattiva” costituita da pannelli colorati mano a mano disvelati dagli strati bianchi di fogli agganciati sopra la loro superficie dall’azione dei visitatori. I protagonisti della mostra sono i numeri, rappresentati dalla quantità di veli strappati dall fronte dei pannelli, che ricostruiscono un mondo tramite lo strapparsi di un altro.

Al MUDEC, in via Tortona 56. Dal 27 novembre al 10 dicembre.

Ingresso gratuito.

.

 contemporary ceramics

.

Contemporary Ceramics

Le Officine Saffi presentano una collezione di opera di quattordici tra i maggiori ceramisti italiani e internazionali, tra cui Robert Cooper, Martha Pachon Rodriguez, e Arcangelo.

Alle Officine Saffi, in via Saffi 7. Dal 26 novembre al 19 gennaio.

Ingresso gratuito.

The Rock City

Una mostra fotografica per raccontare attraverso le immagini 15 anni di concerti rock a Milano, dagli anni Ottanta ai primi anni Duemila. Gli scatti esposti sono di Massimo Barbaglia, Gigliola Di Piazza, Bruno Marzi e Angelo Radaelli.

Alla Hernandez Art Gallery, in via Copernico 8. Dal 2 dicembre al 20 dicembre.

Ingresso gratuito.

Gente d’altri tempi. Enzo Jannacci, nuove canzoni a colori

Una mostra di tavole di più di 50 fumettisti italiani che ritraggono Enzo Jannacci in tutte le sfumature del suo personaggio, soprattutto quella di cantore della Milano ai margini della società. Le tavole, donate gratuitamente dagli artisti, verranno poi messe all’asta, il cui ricavato andrà in beneficenza.

Nel Castello Sforzesco. Dal 10 dicembre al 15 gennaio.

Ingresso gratuito.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata