Revolart è un’idea che nasce libera ed esterna ad ogni pretesa di classe e pedigree.
È una spinta ed una piccola scossa, non uno sprono né un trampolino, non un maestro né una guida.

È un invito da un piccolo palco a una sconfinata platea di Pensanti, di Donne e di Uomini ad esplorarsi e a esplorare, a conoscersi e a conoscere, a risorgere e spiegare le ali.

Perché la Cultura e l’Arte sono fra le più sublimi voci dell’ Essere, manifestazioni di umanità, il palesarsi, autoreferenziale e non, di pensieri e intimità al servizio della collettività.

Revolart è un silenzioso invito a una rivoluzione rivalutativa del nostro comune status di “Esseri Umani”, di una piena consapevolezza delle possibilità dell’intelletto e dell’espressione nelle loro più svariate declinazioni in questi tempi paramedioevali di crisi di valori e di ricchezze.

Revolart è rivoluzione tanto contro l’assopimento intellettivo quanto contro gli snobismi deleteri di quella Cultura che sempre più spesso va a crogiolarsi compiaciuta della sua “C” maiuscola.

Perché valori come “Cultura” e come “Arte” devono essere di pubblico dominio, perché il loro grido deve potersi alzare globale e assoluto, senza èlite e senza classismi tanto futili quanto ridicoli, per poter indisturbata sussurrare ad ogni orecchio.

Acquisire consapevolezza di ciò che ci circonda è vivere senza limitarsi alla mera sopravvivenza.