Testo di – GIUSEPPE ORIGO

Villa Panza è uno dei miei personalissimi “luoghi del cuore”, richiamando gigionamente con questa definizione il Fondo Ambiente Italiano che ne gestisce gli spazi.

w4

Una lunga visita negli spazi ora musealizzati dei saloni, delle scuderie, dei cortili e dei giardini della villa barocca vale di per sé, e questo posso assicurarvelo, la gita fuori porta fino a Varese (dove comunque tra Giardini Estensi, laghi ed ottimi ristoranti avrete sicuramente di che passare un’ottima giornata di turismo).

Fino al 15 Ottobre 2017 sará questo il teatro dell’ottima e gradevolissima “Robert Wilson for Villa Panza. Tales” a cura di Noah Koshbin, curatore dei progetti espositivi dello Studio Wilson e Anna Bernardini, direttore del museo di Villa Panza.

Una mostra sublime e densa, un’ esperienza visiva progettata dall’eclettico artista americano appositamente per gli spazi della Villa varesina (o varesotta, mi si perdoni qui se ancora non riesco a cogliere le sfumature territoriali che differenziano i due aggettivi) e del suo parco, attraverso un’importante selezione di “Video Portraits” e l’installazione site specific “A House for Giuseppe Panza”.

Fedelmente alla collezione di Villa Panza, dalle opere esposte emerge un costante dialogo virtuosamente ossimorico tra il passato e la contemporaneitá, magistralmente ambientato negli spazi della Villa Barocca, perfetto palcoscenico per il lavoro di Robert Wilson.

w5

I 56 “Video Portraits” esposti sono una serie di tele digitali, di fotografie animate appena percettibilmente in un lentissimo divenire attraverso cui vivono davanti agli occhi dello spettatore una serie di momenti iconici tratti dalla storia dell’arte e del teatro, popolati anzi interpretati da volti noti dello spettacolo e dell’Arte: Robert Downey Jr assiste vigile, inserito in un celebre Rembrandt, ad una dissezione chirurgica del suo stesso braccio, Gao XingJian, o meglio il suo volto che diviene lavagna per la sua stessa scrittura, dichiara dal buio del nero che “la solitudine è condizione necessaria della libertà”.

w1

E ancora Roberto Bolle, Marianne Faithfull, il soprano Renée Fleming; Amleto, Ofelia ed Elettra prendono vita grazie alla voce dell’artista e si trasformano nella bellezza di ebano della pantera nera Ivory.

 

Un intero nucleo della mostra, per la prima volta in Italia, è dedicato a Lady Gaga, per l’occasione modella di Wilson: un’esperienza visiva ed uditiva a tratti ipnotica, a tratti disturbante ma sempre affascinante in cui la cantante pop, il suo viso, le forme del suo corpo, si trasfigurano nel corpo morto di Marat dentro alla sua vasca da bagno, nella testa mozzata del Battista, in un’intricata, dolorosa ed eroticamente sensuale raffigurazione bondage di tradizione giapponese Shibari.

lady-gaga-744x445

Wilson non abbandona il teatro, suo mondo principale, in questa mostra ma anzi l’impressione è proprio quella che in ogni monitor, in ogni opera, viva il microcosmo di un piccolo palco inserito nel macrocosmo del teatro degli spazi di Villa Panza, in un’esperienza unica e totale che  dai “Video Portraits” arriverá fino all’installazione site specific di “House for Giuseppe Panza”, posta nei giardini e progettata da Robert Wilson in asse con l’architettura storica della Villa quasi a creare un cortocircuito in dimensione antiromantica, destinata ad entrare a far parte della collezione permanente varesina.

La mostra sarà aperta fino al 15 ottobre 2017.

 

Orari :Tutti i giorni, tranne i lunedì non festivi, dalle ore 10 alle 18

 

Visita guidata gratuita alla mostra (prenotazione obbligatoria)

Tutte le domeniche, alle ore 11,30 e alle 15,30

La visita è compresa nel costo del biglietto, per un numero massimo di 25 persone.

per prenotare contattare: T. 0332 283960; e-mail: faibiumo@fondoambiente.it

 

 

Biglietti: Ingresso gratuito per chi si iscrive al FAI (o rinnova l’iscrizione) al momento della visita.

Iscritti FAI: € 6,00

Adulti: € 13,00 (martedì e mercoledì € 10,00), compreso Ganzfeld

Bambini (4 – 14 anni): € 6,00

Studenti (15 – 26 anni): giorni feriali € 8,00; sabato, domenica, festivi € 10

Famiglie (2 adulti + 2 bambini): € 30

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata