Testo di – CHIARA CRESCINI

“Io ho quello che ho donato”. Con questa frase, Gabriele D’Annunzio, esimio poeta e scrittore italiano, suggella nel lontano 22 dicembre 1923 l’atto di donazione all’Italia della propria dimora, successivamente battezzata come Il Vittoriale degli Italiani.

Questo celebre motto dannunziano, inciso tra due cornucopie simbolo di abbondanza, incornicia così l’ingresso del Vittoriale, luogo di rara bellezza artistica, storica e culturale. “Non soltanto ogni stanza da me studiosamente composta, ma ogni oggetto da me scelto e raccolto […] fu sempre per me un modo di espressione, fu sempre per me un modo di rivelazione spirituale, come uno dei miei poemi.”

Infatti, il Vittoriale si contraddistingue per essere una città-museo ed un percorso esoterico di scoperta ai luoghi ed agli ambienti che raccontano del vivere inimitabile del poeta Vate, circondato da lusso, cultura e dalla bellezza del Lago di Garda su cui il museo s’affaccia.

E quale migliore location di questa per ospitare un festival delle Arti dello Spettacolo? Intitolato Tener-a-mente, espressione dannunziana utilizzata in una lettera per congedarsi dall’amante, il Festival si svolge all’interno dell’Anfiteatro del Vittoriale, che collocato in una posizione strategica, permette ai visitatori di godere del maestoso panorama offerto dalla Rocca di Manerba, dall’Isola del Garda, dalla penisola di Sirmione e dal Monte Baldo.

L’anfiteatro viene citato in molteplici opere di D’Annunzio, quali: “Piacere”, “Notturno ed “Il fuoco”. Inoltre nei “Taccuini” il Poeta scrive: “Tra mare e cielo, s’apre come uno strumento concavo per ricevere e per modulare la voce delle voci, la parola delle parole.” Così il poeta Vate immaginava il teatro ideale per rappresentare i propri spettacoli.

Il progetto artistico di Tener-a-mente, iniziato nel 2011, è oggi alla sua quinta edizione e si riconferma e contraddistingue ancora per la straordinaria qualità e raffinatezza dell’offerta al pubblico. Il cartellone del Festival offre sedici differenti spettacoli in altrettante serate che spaziano dalla musica, al teatro, con artisti di fama internazionale.

La stagione del Vittoriale verrà aperta il prossimo 27 Giugno con Paolo Conte e terminerà l’8 Agosto col Sofia Ballet in “La bella addormentata”. Inoltre, è interessante notare come ogni spettacolo in cartellone venga elegantemente associato ad una delle fasi lunari, come a testimonianza di un percorso che verrà compiuto nell’arco del Festival stesso e che cela un’atmosfera magica ed affascinante.

Il Festival Tener-a-mente è quindi pronto anche quest’anno a sorprendere il pubblico con spettacoli di altissima qualità; è infatti su tale aspetto che sembra puntare tutta l’organizzazione. Ne parla in questi termini anche il presidente della fondazione del Vittoriale, Giordano Bruno Guerri, che riferendosi alla stagione teatrale del 2011, in un’intervista conferma: “Considero questa la mia prima stagione teatrale e ne vado fierissimo perché la qualità degli spettacoli è molto alta”.

Tener-a-mente, a cura di Ripens’arti, ospiterà così il 28 Luglio Patti Smith, a 40 anni dalla pubblicazione del capolavoro “Horses”. Il 12 Luglio sarà poi la volta di Mario Biondi ed a seguire il pianista tedesco Hauschka, esponente di spicco della musica elettronica e sperimentale. A rappresentare l’Italia saranno poi il cantautore siculo Franco Battiato e per la sezione “Teatro” Alessandro Preziosi. Questi sono solo alcuni degli innumerevoli artisti di celebre fama che calcheranno il palcoscenico del Vittoriale durante la stagione estiva 2015.

Per quanto concerne le informazioni di carattere più tecnico, i biglietti per gli spettacoli potranno essere acquistati comodamente online o nelle prevendite autorizzate. Inoltre, sono previste promozioni e riduzioni per categorie selezionate e la possibilità di fare un regalo alternativo e di forte impatto con l’opzione online “Regala un biglietto” offerta dall’Organizzazione del Festival. Infine, a sottolineare quanto la direzione dell’evento ritenga importante proporre al proprio pubblico serate indimenticabili e spettacoli di alta qualità, sarà poi possibile compilare un questionario di gradimento sul festival che verrà pubblicato sul sito ufficiale della Fondazione del Vittoriale a fine stagione. Il questionario è ovviamente volto a ricavare informazioni preziose dal pubblico, in modo che le edizioni successive siano sempre più vicine alle aspettative dei fruitori.

E come riporta Edmondo de Amicis in un’intervista a D’Annunzio “Il teatro mi ha preso e mi possiede per ora interamente.”. Così ci auspichiamo che anche questa stagione artistico-culturale al Vittoriale degli Italiani ci rapisca totalmente e ci faccia vivere una grande esperienza nella “conca marmorea sotto le stelle” dell’Anfiteatro di Tener-a-mente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata