Testo di – DIANA SALA

 

Se non sei nel buco, non puoi uscire dal buco”, questo è il motto degli artisti in scena al The Hole, a Milano fino al 3 gennaio 2016 al teatro linear4ciack.

Non è certo uno spettacolo per tutti: è sexy e divertente perché raccoglie in un unico evento il burlesque, il circo, lo strip dancing e la comicità del cabaret; per chi conosce il The Rocky Horror Picture Show non sono pochi i riferimenti e le citazioni anche spudorate e maliziose (a partire dalla famosa sigla della 20th century fox canticchiata direttamente dagli attori).

La particolarità dello spettacolo è evidente già all’ingresso del foyer: due gambe di una bambola gonfiabile accolgono gli spettatori; al loro interno suona un dj con muscoli scolpiti e privo della sua maglietta, accanto al quale è presente una elegante donna vestita di paillettes ma con un ampio spacco che le denuda la coscia.

Oltre ai soliti posti e sedili su più file tipici dei teatri tradizionali, si può prenotare un tavolo antistante al palcoscenico, così come al Moulin Rouge: lì la Hole experience sarà completa e accompagnata da consumazioni nello stile dei tipici locali milanesi.

Prima che lo spettacolo inizi alcuni degli attori nazionali e internazionali, vestiti con un elegante frac, vi accoglieranno e vi faranno prendere posto.

Noi abbiamo avuto la fortuna di essere stati accolti da Bruno, che ha esordito dicendo “Certo che l’Italia è un Paese strano… ma oggi sono troppo filosofo”. Di strano non c’è solo l’Italia ma anche la trama di questo spettacolo e le esibizioni che si susseguono: un playboy che scopre, dopo una vita di eccessi e mondanità, cosa sia il vero amore, grazie al suo rapporto con una topa “l’adorata topa…. una ratta vera” chiamata nello spettacolo Maria Salvador. In scena la topolina è un topo vero che spesso viene fatto avvicinare al pubblico, con il terrore degli spettatori che hanno paura dell’animale.

.

Madame en the hole_bg

.

Il playboy decide di dare una festa, proprio per rendere nota anche ai suoi amici la notizia del suo amore per la topa, ed è qui che il pubblico diventa parte dello spettacolo.

Il nostro playboy (interpretato da Filippo Strocchi) diventa il Maestro di cerimonia della serata, guidandoci in canti ricchi di doppi sensi e nella profondità di questo “Buco” attraverso monologhi maliziosi ma al contempo profondi; il personaggio nel suo essere edonista può ricordare il Dr. Frank-N-Furter nel già citato Rocky Horror per le sue impudiche battute e i suoi discorsi sulla più completa libertà del piacere in ogni sua forma.

Alla sua festa sono presenti anche la sua sensuale generalessa (che intrattiene il pubblico con un ballo sensuale che coinvolge il pubblico maschile delle prime file che viene provocato maliziosamente) e numerosi acrobati.

I numeri sono molto coinvolgenti e vanno da una danza sfrenata fatta su dei pattini a rotelle da parte del Pony Loco che rappresenta il piacere smodato e la dissolutezza, al numero di Aerial Hoop cioè il famoso cerchio aereo che volteggia sul pubblico nel quale danza una Marilyn Monroe decisamente sovrappeso che, nonostante ciò, dimostra grazia ed eleganza.

.

Dylia la Marylin aerea en the hole_bg

.

Sono da menzionare anche lo strip dance della generalessa, l’aerial straps delle due superchicche e l’hand to hand dei due maggiordomi.

Lo strip dance è eseguito in modo che si stagli davanti ad un paravento completamente fluorescente solo la silhouette nera della donna che, dopo essersi spogliata dell’intimo anch’esso fluorescente, esegue danze sexy e provocanti; la conclusione del numero è molto teatrale perché la ballerina si ricopre il proprio corpo di vernici fluorescenti.

.

gynoid en the hole_bg

.

L’aerial straps è eseguito da una coppia di donne che danza in aria – con abiti più che succinti- grazie a nastri elastici, mentre l’hand to hand consiste in un numero di forza e di equilibrio di una coppia di maggiordomi che esegue acrobazie a corpo libero.

.

las supernenas en the hole_bg

.

I temi affrontati nei monologhi del Maestro di Cerimonie riguardano il vero senso dell’amore, l’amore senza limiti e distinzione di sesso; sono numerosi i baci lesbici in scena e tra gli attori viene rappresentato anche l’amore tra un uomo ed un trans.

Questo non è uno show comune e anche per questo è vietato ai minori di 16 anni; come spettacolo è nato dalla collaborazione tra Paco Leòn, Yllana e Letsgo. è stato presentato a Madrid nel 2011, dove è rimasto per due stagioni; dal 2013 ha iniziato la tournée a partire dalla Spagna e ha collezionando il tutto esaurito in quasi tutte le città.

Per gli amanti del burlesque è uno show raccomandato.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata