Testo di — FRANCESCA BERNASCHI

 

cover

Umiliati e offesi — F. Doestoevskij

E’ la storia più vecchia del mondo: lui, lei e l’altro.

Lui e lei sono cresciuti insieme, come fratelli.
Lei delicata e semplice, lui dall’intelligenza viva e l’animo sensibile.
L’altro, il principe cresciuto tra gli agi, in un mondo ovattato lontano dalla realtà. Malleabile, senza alcuna spina dorsale, completamente privo di ragion alcuna, se non quella del manipolatore di turno.

E’ una storia di manipolazione, bugie e silenzi.

Sarebbe troppo semplice amare qualcuno che ci ama a sua volta, una persona ben vista dalla propria famiglia: la persona perfetta. Ma no, si sa, a noi donne piacciono le cose complicate.
Gli sguardi rubati, gli incontri studiati, le lettere lunghe e piene di promesse irrealizzabili.
Le fughe d’amore.

Non importa quanto questo farà soffrire gli altri, tutti gli altri. In cuor nostro sappiamo che capiranno, o forse no, perchè un amore così non s’è mai visto, nessuno l’ha mai provato.

E se da un lato vi è tanto amore, tanti sentimenti giovani e puri, dall’altro, a controbilanciare, c’è la miseria. Nera, dura e cruda.
Tanta povertà di fiducia e umanità è quasi difficile da immaginare, figuriamoci da descrivere.
Può una bambina, con quegli occhi, così grandi e profondi, aver vissuto come la peggiore delle reiette per tutta la sua breve vita? E per cosa? Essere colpevole di nascere da un’unione di convenienza.

E ne doveva forse essere lei la vittima? A pagare per la propria crudeltà dovrebbe essere chi ha compiuto certi atti. Sempre lo stesso, sempre lui.
Il burattinaio di tutti i personaggi di questa storia.

Creo che questo libro dimostri come sia più appagante e tremendamente divertente operare (per) il male ma come sia anche molto più facile fare il bene di qualcuno.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata