Testo di—IL FASTIDIO

 

 

Il mondo sta andando a puttane.

Non è una frase fatta, non sono le parole di un vecchio sbiadito al bancone della soms fra un fernet e l’altro, NO: la mia voce è quella di un ragazzo a cui la vita ha sempre dato tutto, che si è costantemente ostinato ad osservare e a gustarsi il lato luminoso della luna (in culo ai Pink Floyd), che ha sempre amato crogiolarsi nelle prospettive e nelle speranze di un futuro dorato, della pace e dell’ amore.

Ero una sorta di MetroHippie postmoderno, innamorato del cosmo, del fare l’amore con la mia esistenza, dello stupirmi giorno per giorno del grande miracolo del creato.

Tutto questo fino ad oggi pomeriggio, fino all’ ultimo semitico oltraggio disneyano all’ Arte intesa come suprema sintesi dell’ espressione umana: J.J. Abrams dirigerà il nuovo episodio di Star Wars.

Penso lo scriverò di nuovo, perché la cosa deve essere colta in tutta la devastazione che porta conseguenzialmente con se: J.J. ABRAMS DIRIGERà IL NUOVO EPISODIO DI STAR WARS.

Joseph Aloisius Ratzinger non farà mai il Muezin.

Carlo Cracco non lavorerà mai in una Kebabberia.

Pikachu non presterà mai i suoi servigi a Digiworld.

Perché allora J.J. Startreck1e2 Abrams dirigerà il seguito di Star Wars? Quale infelice paralisi cerebrale affligge i vertici di casa Disney, cosa mai può portare a una simile ossimorica decisione?

La “politica del merchandize” è una triste verità dell’ azienda americana: “La Maledizione Della Prima Luna” è un capolavoro? Sputtaniamoli con altri 3 aborti di film così possiamo riempiri i Disney Store di minijacksparrowdiplastica!! “Prince Of Persia” è la serie di videogiochi più innovativa e di tendenza del momento? Rileviamo il marchio, facciamo un film (di merda) così possiamo, accanto ai minijacksparrowdiplastica, riempire i Disney Store di minigigascorpionicazzutidiplastica!! “Star Wars” è più conosciuto de “La Bibbia” ed “Harry Potter” (tanto questi non ce li vendono…ma ci lavoreremo)?? Andiamo da quel vecchiosenzaDio di Lucas, compriamo il toto in blocco, e facciamoci un seguito, due seguiti, mille seguiti così possiamo, accanto ai minijacksparrowdiplastica e ai minigigascorpionicazzutidiplastica, riempire i Disney Store di miniJarJarBinksdiplastica (il Maestro Yoda era inflazionato e noi, alla Disney, abbiamo l’occhio per i personaggi su cui vale la pena investire…)!!

Il piano di Topolino e company però è ben più malvagio e trascende quella che sarebbe una mera compravendita del marchio al fine di ricavarne una spremuta di soldi… no… il topo bastardo vuole disintegrare Guerre Stellari, umiliarlo e calpestarlo trasformandolo in un sottoprodotto da scaffale, affidando a J.J. Abrams, orrendo sottoprodotto Trekkie, il seguito.

Una mossa tanto astuta quanto sadica, l’umiliazione finale del sogno fantascientifico di 3 generazioni nella peggiore delle sue forme, svendendo la Morte Nera all’ Enterprise, Harrison HanSolo Ford a Leonard MrSpock Nimoy.

0x26

Già la notizia, arrivata il 30 Ottobre scorso, dell’ acquisizione della LucasFilm da parte del colosso Disneyano aveva fatto tentennare tutti noi fan, ma il massimo che ci saremo potuti immaginare era un nuovo ottovolante a tema “Corsa Degli Sgusci” a fianco di Space Mountain, magali qualche spin-off su Topolino, avremo anche potuto accettare come “autoironia” un lungometraggio animato tipo “PaperWars: il signore dei Toposith”, anzi, sarebbe anche stato simpatico… mai e poi mai però, neanche nel peggiore dei nostri incubi di celluloide, ci saremo arrischiati ad immaginare tale umiliazione.

Perché qui non si parla più, come accadde con “Episodio Uno”, di abominio cinematografico anzi, J.J. Abrams non sarà Spielberg ma ha anche prodotto delle cose interessanti (poche) e magari, tecnicamente, il film verrà accettabile; qui siamo innanzi alla più totale demistificazione simbolica della saga, attuata nel più meschino possibile dei modi.

Sogno la ghisgliottina innanzi al municipio di Topolinia, sogno una Paperopoli devastata dalla crisi economica e un Paperone ormai fallito ridotto a svendere il suo impero per poche azioni Parmalat e a mettere i suoi ultimi paperdollari in Monte Dei Paschi Di Siena, sogno le orde dei bianchi stormtroopers guidati da Lord Darth Vader marciare su Disneyland, sogno la Millennium Falcon Devastata dai laser dell’ Alleanza Ribelle, sogno l’azzurro fascio di luce della spada di Luke Skywalker fendere le morbide carni di paperi, topi e vulcaniani dalle orecchie a punta…

Il mondo è in crisi, i Maya dopotutto hanno sbagliato di pochi mesi, si attendono abbondanti precipitazioni di rane, cavallette e fiamme.

Se tutto questo non bastasse Noel Gallagher aprirà il live dei Blur alla Royal Alber Hall di Londra il prossimo 23 marzo e, intervistato a proposito, ha asserito: “Se suoneremo insieme? E’ quello che spero, sono contento che succeda: è sempre bello farsi una suonata tra amici”.

Pensateci.

 

 

 

 

1 risposta

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata